Bassa Manzano – Canottieri Belluno 2-2

Ninetto 18 febbraio 2017 Commenti disabilitati su Bassa Manzano – Canottieri Belluno 2-2
Bassa Manzano – Canottieri Belluno 2-2

Manzano: Patti, Papa, Tollon, Zanuttini, Teixeira, Yangala, Viapiana, Sansica, Shimba, Gasich, Duricic, Cattarin.  All: Massimo Genna

Canottieri: Zampieri, Nessenzia, Zago, Melame, Savi, Reolon, Orsi, Dal Farra, Boso, De Battista, Boaretto, Mati Florez.  All: Alessio Bortolini

Arbitri: Nejjari di Rovereto, Spadola di Lovere. Crono Dean.

Reti: PT 1′ 38 Sansica, 2′ 27 e 11′ 21 Mati Florez (BL) . ST 18′ 43 Gasich.

Note: Ammoniti Papa e Gasich per Manzano; Dal Farra, Boaretto, Orsi e Reolon per Belluno. 

Due punti lasciati a Manzano, o un punto che aggancia il Forlì, attore di un match che si preannuncia ad alto voltaggio sabato prossimo alla Spes? Pareggio meritato, va detto subito, dal Manzano, che butta il cuore e tutto quello che ha oltre l’ostacolo. Al via quintettano in totalblu Zampieri, Reolon, Mati Florez, Dal Farra e Melame: ci mette la testa, quest’ultimo, sul traversone di Mati dopo pochi secondi. E, dopo altrettanto poco, Viapiana libera Sansica al centro giusto giusto per insaccare alle spalle di Zampieri l’uno a zero. Calma e gesso, ci mancherebbe, basta meno di un minuto alla band di Bortolini per pareggiare i conti: soluzione lenta di Mati Florez dalla mezza distanza che inganna Patti. Viapiana illumina spesso il gioco dei suoi con idee più che convincenti: c’è appena stata una punta pericolosissima di Gasich sventata da Zampieri allorchè al quinto il brasiliano incrocia di poco sul fondo, al sesto ci riprova, col guantone Zampieri. Ma non basta: minuto settimo, e Viapiana lancia Zanuttini giusto davanti alla gabbia, la parata di Zampieri è di quelle serie oro. Il Belluno è spesso lì avanti, ma le polveri dei suoi cannonieri appaiono ancor bagnate: sull’esterno della rete Reolon al decimo, più centrata la bomba di Boaretto all’undicesimo, Patti risponde davvero benone. Ma il momento è quello buono, per i Canottieri: che qui potrebbero, addirittura e col senno di poi, chiudere la partita, ma non lo fanno. Perché al raddoppio di Mati Florez, che concretizza sulla trasmissione Savi-Reolon, segue a pochi secondi la boccia del match-ball: due vs zero, Boaretto con Mati a destra sceglie il tiro e trova ancora Patti. E ancora l’estremo di casa ad anticipare Boaretto in uscita, mezzo minuto dopo. Incrocio dei pali per Sansica al quindicesimo, al diciassettesimo solo la traversa dice di no a Mati Florez, oggi assieme a Zampieri il migliore dei suoi. Sul finire di frazione Patti è determinante ancora su Florez e al diciannovesimo su Zago, e il gol della sicurezza per i Canottieri non arriva. Arriva invece una ripresa senza Viapiana ma con un Manzano arrembante nei primi minuti: Zampieri annulla Texeira dopo poco, dall’altra Reolon manca il tapin vincente. Minuto cinque: schema d’angolo del Manzano, palla che viaggia giusta per il volo di Zanuttini, la conclusione arriva sporca davanti a Zampieri che ha un riflesso da terra salvifico. Nono: bella la boa di Orsi per Boso, Patti in corner. Pericolo Manzano sul rovesciamento di fronte: Zanuttini per Sansica, alto di poco. Si proietta in avanti Patti e al dodicesimo crea non poco scompiglio nella retrovia biancoblù, sbroglia la situazione scabrosa Zampieri. Minuto dodici: Melame-Savi-Melame, bello il tiro, meno la mira. Clamorosissimo al tredici: Reolon quasi dal corner in mezzo per Mati, che da terra e da pochi centimetri dal sacco trova di tutto tranne il sacco medesimo. Ultimi  minuti con rovesciamenti di fronte continui, Manzano in ripartenza dimostra di poter far male: miracoloso Zampieri a due e rotti dalla sirena su Duricic a botta sicura. Diciottesimo: serve per il match-ball Zago, Patti punta al tie break. Gasich di movimento per Genna: e arriva il gol del pareggio, meritato e festeggiato. La Canottieri ha il tempo per meditare sugli errori fatti, ma non troppo: il punto, bene o male, aggancia il Forlì, che arriva alla Spes sabato prossimo. E questo è il punto.

I commenti sono chiusi.