Canottieri Belluno – Futsal Giorgione 6-0

Ninetto 13 novembre 2021 0
Canottieri Belluno – Futsal Giorgione 6-0

CANOTTIERI BELLUNO: Dalla Libera, Alessandro Bortolini, Normanno, Bardini, Savi, Reolon, Dal Farra, Robinho, De Battista, Gheno, Dall’Ò, Lecis. Allenatore Alessio Bortolini.

GIORGIONE: Ancelotti,  Cesari, Beltrame, Delmestre, De Pieri, Rocha Vagner, Casagrande, Duda, Fiorese, Cerantola, Manuel Delmestre, Bernardi.  Allenatore Daniele Tonin.

Arbitri: Casadei di Cesena, Di Girolamo di Milano. Crono: Casagrande di Conegliano.

Reti: PT 0-0; ST 0.32 Gheno, 3.45  Dall’Ò, 4.35 Robinho, 15.25 Gheno, 15.45 Gheno, 19.51 Dall’Ò.

Note: falli 1-3 pt., falli 2-2 s.t. Ammoniti Dal Farra (C), Casagrande, Cerantola (G).

 

foto©DallaLibera

 

Canottieri che si affaccia alla prova Giorgione con attenzione e rispetto: viene ripagata con una messe di gol mai visti, tutti nelle ripresa, ai ragazzi di Tonin manca probabilmente anche parte del power mollato giù in infrasettimanale nella disfida con l’Isola. Primo tempo di equilibrio: due occasioni buone capitano alla Canottieri; prima del decimo dalla destra Dall’Ò inaugura il suo gran match con una conclusione che trova un riflesso prodigioso di capitan Reolon sottogabbia, palla a scheggiare il palo. Altro palo, di lì a poco, lo coglie Dal Farra di gran mancino dalla mediana. Negli ultimi minuti di frazione cala di qualcosa la Canottieri, pensa bene di approfittarne il Giorgione: al diciassettesimo una liberazione di Bortolini finisce di carambola su una mano del più giovane Del Mestre, arbitro non fischia, Dalla Libera para. Diciannovesimo: Reolon per Normanno, sottogabbia una deviazione fondamentale tra Duda e Ancelotti. Ultimi secondi, e rischia di pagare pegno la Canottieri sulla botta da fuori di Cerantola, s’imbocca il tunnel sullo zero a zero. Ripresa: trenta secondi, Dall’Ò banda su banda per Gheno, che si gira e trafigge Ancelotti sul suo palo, uno a zero. Robinho trova sulla sua strada Ancelotti, sul gran lancio di Gheno, poco prima che, sull’illuminazione dal centrocampo di Reolon con  lancio in controsterzo da undici meno meno, Dall’Ò seghi il campo e scavi la palla a eludere Ancelotti  per il due a zero. Si aspetta il Giorgione, anche se Gheno continua a dettar legge dalle parti di Ancelotti, Cerantola prova da fuori, son passate tutte queste cose e neanche un minuto dal gol di Dall’Ò che, dall’angolo battuto da Gheno, Robinho trova l’eurogol con un tiro al volo che va a finire un po’ sotto l’ incrocio, tre a zero. Cerca la carica ma non la trova, il Giorgione, e quando la trova c’è un Dalla Libera in vena di shutout. Ottavo, Duda di movimento, doppia occasione tra De Pieri ( di rilievo la sua gara ) e Cerantola che spara fuori, al decimo decisivo Savi che anticipa De Pieri davanti alla linea di porta. Cesari ci prova da fuori, dodicesimo e Duda non riesce a fare il giro di Dalla Libera lì sull’estrema destra. Ultimo quarto di frazione: Gheno per Robinho, sterzata e conclusione, tampona Ancelotti, riprende Robinho che assiste Gheno per il quattro a zero. Pochi secondi, e ancora Gheno a suggellare la sua tripletta di giornata infilando la porta sguarnita dalla distanza. Quando, a nove secondi dalla sirena, i millenial Bortolini e Dall’Ò confetturano in ripartenza il 6 a 0, esplode la Spes: la Canottieri c’è, proverà a dire la sua. 

Leave A Response »