Canottieri Belluno – Mantova 1-5

Ninetto 17 febbraio 2018 Commenti disabilitati su Canottieri Belluno – Mantova 1-5
Canottieri Belluno – Mantova 1-5

Giesse Canottieri BL: Del Prete, Sitran, De Battista, Savi, Reolon, Orsi, Dal Farra, Boso, Alba, Berti, Mati Florez, Salvador.  All: Alessio Bortolini

Mantova c5: Ricordi, Gumeniuk, Mercolini, Pagnussatt, Leleco, Guerrieri, Belleboni, Montelli, Palermo, Manzali, Fabinho, Fontaniello.  All: Pino Milella

Arbitri: Aufieri di Milano, Criscione di Bergamo. Crono Fedrigo di Pordenone.

Reti: PT 2′ 54 Manzali.  ST 2’03 Mati Florez (BL), 2′ 27 e 2′ 54 Belleboni, 9′ 41 Manzali, 19′ 38 Palermo.

Note: Ammonito Berti per Belluno; Belleboni per Mantova. 

 

foto © Andrea Dalla Libera

Molto, e sabato pure troppo forte questo Mantova per i Canottieri: pallino del match in mano ospite, le bocche di fuoco Alba e Berti scontano ancora acciacchi che ne tengono bagnate le polveri. Proprio Alba, in partenza, Ricordi inaugura il suo match davvero virtuoso deviando il tiro dell’asso spagnolo. Ci prova Dal Farra, centrale poco prima del terzo, quando Manzali si presenta a tu per tu con Del Prete e sull’uscita lo supera con pallonetto morbido. Combinano bene Reolon e Alba un uno-due extralarge, di nuovo al minuto sei dal corner del capitano va alta la conclusione di Alba. Mantova fintosonnacchioso controlla il match, Montelli a sinistra tiene preoccupato il pack difensivo bellunese. Berti, si vede al nono: si coordina bene per un tiro di contro balzo, alta anche la sua conclusione. Tre contro uno in ripartenza al quindicesimo, Leleco stende Alba, sorprende l’assenza di giallo. Ritorna dalle parti di Del Prete l’attacco mantovano: Belleboni, tra i protagonisti indiscussi del match, bomba a mezza altezza e l’estremo bellunese si fa trovare pronto. Sulla punizione di Manzali, al diciassettesimo, prontissimo è Dal Farra sulla linea a tener lì il minimo svantaggio: poco dopo ci ripensa Del Prete, col piede sul diagonale furbo di Leleco. Sul finire di tempo Alba e Berti ce la mettono tutta: allungo imperioso in fascia sinistra dello spagnolo, Ricordi esce col tempo giusto, Berti negli ultimi secondi si gira su un francobollo ma è ancora alta la destinazione del tiro. Ripresa: botta e risposta Alba-Belleboni, ancora Leleco, bravissimo Del Prete, che assiste con brivido alla girata di Manzali al minuto due, lenta bella e fuori. Il match è bello vivo, Fabinho stoppa in corner sulla conclusione di Berti; passano dieci secondi, e il toscano la mette piùcheperfetta per Mati Florez in slot centrale. Mira al sette alto l’argentino Giesse, niente da fare per Ricordi. Per un attimo immemore di quanta fatica sia costato il gol del pareggio il Belluno, immediatamente spietati i virgiliani, che in una trentina scarsa di secondi assestano due sberloni che tacitano il match: avviene tutto in contropiede sull’asse Fabinho-Belleboni, tre a uno e quasi quattro, quando un minuto dopo Manzali grazia i Canottieri sparando alto sopra la traversa. Davvero irresistibile Manzali: lo ferma all’ultimo Del Prete di piede al sesto, sempre al sesto cerca il gol Reolon ma nella porta sbagliata, poi sta quasi quasi per metterla giusta e nella porta del Mantova rimasta vuota sulla sortita offensiva di Ricordi. Ancora Canottieri, non certo doma, ma Ricordi annulla sulla bella occasione di Orsi all’ottavo: cinico Mantova, che con Manzali in contropiede sotterra il match sul quattro a uno. Ci proverà Boso con coraggio a riportare sotto i suoi, Alba al tredicesimo fa tremare il palo; capitan Reolon va di movimento, a cinque dal termine, c’è un bell’inbuco Alba per Berti ma non va, va via dall’altra parte Palermo, a venti secondi dalla fine firma il cinque a uno che suggella il match.

I commenti sono chiusi.