Canottieri Belluno – Palmanova 3-3

Ninetto 31 ottobre 2021 0
Canottieri Belluno – Palmanova 3-3

Canottieri: Dalla Libera, Bortolini, Normanno, Bardini, Savi, Reolon, Nessenzia, Dal Farra, Robinho, Gheno, Dall’Ò, Lecis.  All: Alessio Bortolini

Palmanova: Morassi, Ahmetaj, Rovere, Ljuskic, Sluga, Randelovic, Kandic, Bozic,Kovacic, Langella, Sovdat, Mazzilis.  All: Massimo Gallarati

Arbitri: Prekaj di Treviglio, Lodi di Crema. Crono Basei di Conegliano.

Reti: PT 2′ 55 Kandic, 8′ 46 Reolon (BL), 13′ 10 Sovdat.  ST 9’05 Normanno (BL), 18′ 12 Kovacic, 19’59 Reolon (BL).

Note: Ammoniti Kandic e Ljuskic per Palmanova; Reolon per Belluno. Al diciottesimo della ripresa, espulso Robinho per Belluno. 

photo©AndreaDallaLibera

 

La Canottieri gioca una gran partita, ma non basta a portar via dei punti al Palmanova: e, molto probabilmente, tanti punti non li lascerà in giro, il Palmanova di quest’anno. Minuto due, rosso no giallo a Kandic che ferma in sterzata Reolon, punizione with stecca di Nessenzia, Morassi. Passa un minuto, e il novantanove col numero dieci sulla maglia avvelena Dalla Libera con una conclusione al curaro: uno a zero Palmanova, i ragazzi di Gallarati saranno sempre in sorpasso per tutto il match, la Canottieri agguanterà il pareggio sull’ultimo decimo di secondo. Ma andiamo con ordine: siamo ancora all’inizio, Langella zidana, salva sulla riga Dal Farra, intorno al quinto buona d’intenzione la botta di Robinho da fuori, alta di mira, buona pure la girata di Gheno al sesto, c’è Morassi. La Canottieri sta cercando il pareggio, si vede, e succede: pressione alta tra Robinho e Bardini, vien su in mezzo Reolon manco fossimo sul Brennero, Morassi ce la fa sulla prima conclusione, sulla seconda non può nulla, uno a uno. Partita vivissima: inserimento dangeroso di Langella, tra i migliori in campo, a chiudere di lì a poco su Kovacic sul secondo palo ci pensa Dalla Libera, siamo intorno all’undicesimo, scatta il tredicesimo ma non la cerniera tra Reolon e Gheno, a Sovdat non gli sembra vero e insacca il due a uno. Quasi sul finire girata di Sluga, sul fondo, idem Gheno, half time. Ripresa: Sluga per Langella, open space da architetture a Helsinki, conclusione sul fondo. Reolon, man of the match, percuote a sinistra, la Canottieri è alla ricerca del nuovo equilibrio e sta per trovarlo, tra Gheno e Normanno c’è una gran palla al minuto tre. Fa più fatica adesso il Palmanova a presentarsi davanti alla gabbia di Dalla Libera, ci provano dalla distanza Ljuskic, dalla stessa mattonella Sluga, più in là di nuovo Ljuskic con conclusione repentina che sorprende, ma no, Dalla Libera. Ma intanto è successo che Nessenzia ha messo una palla d’oro per l’onnipresente Reolon, Morassi d’istinto e col piede, l’estremo difensore si supera al nono sulla conclusione a colpo sicuro di Nessenzia; è successo che, sempre Nessenzia, anche lui tra i migliori di giornata a mio parere, cacci in mezzo un bolide che Normanno al posto giusto e con tempismo indirizza imprendibile sotto al legno alto, primo gol in campionato per l’argentino, due a due. Le quotazioni dell’albiceleste, dopo l’infortunio alla spalla, sono in netta ripresa: Morassi gli chiude magistralmente la via del gol, siamo al diciassettesimo, dal corner, Reolon per Normanno, che la tiene bella bassa, sul fondo di poco. Bortolini fa intravedere Savi lì in piedi con la maglia del movimento. Pericolo Palmanova: Sluga per Kandic, anticipa rabbioso Robinho. Anche troppo: da una boccia che sbuca dal corner finita sul suo braccio dentro l’area, il colore del cartellino destinatogli passa per proteste dal giallo al rosso malgrado la fraterna mediazione di Dalla Libera, Canottieri in quattro ma solo il tempo che Kovacic di rigore firmi il 3 a 2. Mancano un centinaio di secondi alla sirena, Savi di movimento. La Spes è tutta in piedi, l’ultima palla, che gira per tutto il quintetto bellunese, fa capire che a pareggiare è una squadra, e a firmare il pareggio, sull’ultimo decimo, il suo capitano. Pareggio giusto? Avrebbero entrambe le squadre, alla loro maniera, meritato di vincere. Canottieri-Palmanova tre a tre, un punto e applausi per tutte e due. 

Leave A Response »