Città di Mestre – Canottieri Belluno 0-2

Ninetto 9 gennaio 2016 2
Città di Mestre – Canottieri Belluno 0-2

Mestre: Villano, Biancato, Zanatta, Saviolo, Zanardo, Leggio, Ronchin, Semenzato, Moustayne, Favaretto, Genovese, Pasqualetto. All. Campagner
Belluno: Del Prete, Robson, Zoldan, Boso, Luisetto, Reolon, Orsi, Dal Farra, Capalbo, Gidoni, Boaretto, Zampieri. Allenatore: Bortolini
Arbitri: Marchetti di Chiavari, Borgo di Schio, crono Carbone di Mestre
Reti: 1° T.: 13’13’’ Reolon  2° T.: 19’59’’ Boaretto
Ammoniti: Dal Farra e Robson per Belluno; Moustayne per Mestre.

Nell’infuocato Franchetti mister Bortolini fa girare tutti i suoi: segno di coraggio e di buona salute di un gruppo che stappa il 2016 con tre punti d’importanza considerevole. Al via mancano pedine importanti, da una parte e dall’altra: ma tra i Canottieri l’esordio stagionale di Robson allarga le spalle e dà fiato alla retroguardia bellunese, che alla ripresa dei giochi si iscrive tra le migliori difese di categoria. E bella la sfida anche tra i dirimpettai in portineria: Del Prete, maggiormente chiamato in causa, compie più d’un prodigio, ma anche Villano si difende bene e miracola a sua volta al termine del primo tempo sulla conclusione dortissima di Robson e all’inizio, poco più di un minuto di gioco, quando è provvidenziale sulla conclusione diversamente definitiva di Boaretto. Sul diagonale di Dal Farra al minuto due Villano è in traiettoria, all’ottavo Del Prete e Moustayne danno il via alla loro lunga, bella sfida di giornata. Minuto nove, Gidoni tutta potenza, coi pugni Villano, Del Prete blocca un paio d’iniziative lagunari prima che Capitan Reolon d’imperio sigli l’uno a zero. Succede così: contrasto vincente con Saviolo sulla mediana, innesca il turbo Reolon e giunto davanti a Villano non sbaglia. Risponde subito Saviolo: gran bomba, pronto Del Prete. Cerca  il pareggio il numero nove veneziano, lo sfiora soltanto, trova però un fallo su Del Prete che manda in lunetta Robson. Para Villano col piede, e si ripete di lì a poco sul libero di Reolon. Ripresa: sulla trasmissione Genovese-Moustayne, la conclusione a colpo sicuro di quest’ultimo è in gol. Ma no: Del Prete c’è arrivato, non si sa come. Bel ritmo, preme il Mestre. Robson in contropiede alleggerisce, e sempre col piedone Villano intercetta la sfera destinata a Boaretto. E’ capitan Reolon a proteggere la sua rete sulla conclusione di Moustayne al terzo, al quinto bello lo spunto personale di Genovese, mura Del Prete: sulla ripartenza Villano su Boaretto, rebound ad appannaggio di Capalbo che la mette alta. Cerca il gol con insistenza il Mestre, e lo meriterebbe anche: ma al nono è un gigante Reolon in chiusura su Saviolo, dal corner nasce una boccia che tocca la traversa alla sinistra di Del Prete. In alleggerimento davanti c’è Zoldan, che ha una buona occasione al tredicesimo, al sedicesimo dall’angolo di Robson Capalbo centra bene la porta, ma c’è sempre Villano. E’ lo stesso Capalbo a diventare determinante, in fase difensiva però, sventando sulla bella combinazione davanti alla gabbia bellunese destinata a Moustayne. A pochi secondi dalla fine Boaretto solo davanti a Villano non lo supera, per il momento: lo fa di lì a poco, pochi decimi alla sirena, vince la Canottieri due a zero. Bravi tutti, l’urlo scaramantico dalla tribuna “cambia Boso” by Jack Fiabane funziona, il giovanotto è stato tra i migliori.

2 Comments »

  1. Julien 9 gennaio 2016 alle 8:13 pm -

    Tanta roba sti ragazzi

  2. Julien 10 gennaio 2016 alle 12:07 pm -

    Un grande grazie anche agli oltre venti ns tifosi che hanno seguito la squadra