Coppa Divisione: Giesse – Merano 1-4

Ninetto 22 settembre 2018 Commenti disabilitati su Coppa Divisione: Giesse – Merano 1-4
Coppa Divisione: Giesse – Merano 1-4

Giesse Canottieri Belluno: Alberto, Saviane, Chaoui, Savi, Reolon, Nessenzia, Dal Farra, Orsi, De Battista, LeCosta, Mati Florez, Dalla Libera.  All: Alessio Bortolini

Bubi Alperia Merano: Luca Vanin, Ikoma, Mair, Manzoni, Caverzan, Vacca, Trunzo, Ouddach, Mustafov, Rafinha, Fabio Vanin, Ninz.  All: Roberto Vanin

Arbitri: Tassinato di Padova, Suelotto di Bassano. Crono Voltarel di Treviso.

Reti: PT 10′ 45 Reolon (BL), 19’33 Ikoma, 19′ 52 Vacca.   ST 1′ 40 Mustafov, 11′ 33 Trunzo. 

Note: Ammoniti Savi per Belluno; Vacca e Fabio Vanin per Merano. 

 

foto © Andrea Dalla Libera

 

Alla prima ufficiale di stagione, non “stecca”, al di là del risultato, il quintetto bortolinìaco: primo tempo incorniciabile, eccezion fatta per l’ultima manciata di secondi che consegnerà la ripresa al vantaggio ospite. Minuto uno, subito LeCosta: sullo spiovente non aggancia. Primo lampo di Vacca, siamo al terzo, incrocia alto dalla destra. Minuto quattro, è quasi gol: Caverzan, conclusione micidiale al sette alto, la palla esce dai legni. Risponde LeCosta: progressione imperiosa sulla sinistra, scarico per Mati Florez che mette a lato la boccia del possibile, clamoroso vantaggio. Entra Orsi e va a fare il pivot: al momento dalle parti del nove biancoblù arriva poco, perché il Merano alza ancora il potenziometro dell’intensità. Trunzo due volte, prima su punizione, poi quasi al nono pericolosamente mette in mezzo, col piede Alberto alza quel tanto da mettere fuori gioco Vanin. In ripartenza LeCosta e Chaoui, sceglie la conclusione lo spagnolo, smorzata. Rafinha, eccolo: siamo al decimo, ben piazzato Alberto dice di no. E allora, quasi subito, arbitro non fischia fallo sulla mediana offensiva di Reolon, palla riportata ancora dalle parti di Vanin, Mati Florez benissimo per il capitano in slot centrale, Reolon rasoia l’ uno a zero. Clamoroso, certo: il Merano non ci sta di sicuro, veemente la reazione con Vacca, davvero da vicino, di tutto istinto Alberto. Ritmo alto, Merano a mille: scarica la tensione con un tiro dalla distanza LeCosta, buono ma buono anche Vanin. S’innervosisce la Bubi, due gialli in un minuto a carico di Vacca e Fabio Vanin, con tanto di quinto fallo. Quindicesimo: si libera bene al tiro Ikoma, ancora di piede Alberto. Al diciassettesimo Vanin esce dalla gabbia ed anticipa Dal Farra, Mustafov fa esterno-rete, poi è Mati Florez provvidenziale a chiudere sul bolzanino, oggi tra i migliori in campo. Ultimo minuto. Macina la Bubi, sembra poter difendere almeno  fino alla sirena il suo vantaggio la Giesse: ma prima Ikoma è bravo a depositare in gol il corner di Vacca, poi è Vacca stesso a finalizzare a otto secondi dal riposo il libero sortito dal sesto, ingenuo fallo bellunese. Due a uno,  ripresa che non cambia: la Canottieri, pur a fronte del tasso tecnico illegale di alcuni del Gruppo Amici, riuscirà perlomeno a contenerne l’esuberanza e a calmierarne l’intensità. Anche se, quasi subito, Mustafov fa doppietta e tre a uno. Ma c’è, la Canottieri, come no: sull’assistenza perfetta di Mati Florez, Nessenzia da sottoporta spara alto. Merano al terzo: Rafinha per Vacca, tutto al volo, chiude Alberto. Ikano, cerca la doppietta il giapponese: Alberto non è mica d’accordo. Ma gran volume Bubi, ritmo e profondità: Chaoui con coraggio cerca lo spunto personale e arriva pericoloso dalle parti del Vanin tra i pali, siamo al sesto, passerà qualche interminabile minuto prima di rivedere i biancoblù lì davanti, lo spunto furbo è di Orsi che cerca davanti alla gabbia l’acrobazia di Reolon. Quasi dodicesimo, la Canottieri ha tenuto il campo con orgoglio e cercando l’ordine, nondimeno Trunzo anticipa Alberto in uscita e deposita il 4 a 1. Sul finire, tocca all’under Dalla Libera dire di no in bello stile al solito Mustafov, sul finale c’è anche Reolon, non più col buco: quasi va, tra LeCosta e Savi al diciottesimo, sullo spagnolo Vanin in uscita sull’ultimo giro di lancette conserva al match il 4 a 1 maturato. E, tra i maturandi, anche il quintetto bellunese: atteso a una maggior spietatezza nei momenti che contano, capace oggi di fornire, alla Bubi Merano, un test probante. 

I commenti sono chiusi.