Fenice – Canottieri Belluno 4-7

Ninetto 12 marzo 2016 2
Fenice – Canottieri Belluno 4-7

VeneziaMestre: Molin, Zanchetta, Bassich, Callegarin, Barison, Cavaglià, Mazzon, Ortolan, Caregnato, Botosso, De Battista, Tuzzato. All: Pagana

Belluno: Del Prete, Boso, Zoldan, Gidoni, Luisetto, Reolon, Orsi, Dal Farra, Capalbo, Savi, Boaretto, Zampieri. All: Bortolini

Arbitri: Nejjari di Rovereto, Fedrigo di Pordenone. Crono Urban di San Donà.

Reti: PT 9′ 20 Gidoni, 9′ 56 Ortolan (Ve), 10′ 12 Barison (Ve), 14′ 19 Capalbo, 16′ 43 Gidoni, 18′ 45 Capalbo.  ST 8′ 44 Zanchetta (Ve), 10′ 07 Capalbo, 15′ 08 Bassich (Ve), 18′ 39 Capalbo, 19′ 19 Boso.

Note: Ammoniti Boaretto per Canottieri; Callegarin, Mazzon e Ortolan per Fenice. Al minuto 3′ 03 della ripresa espulso Daniele Boaretto per doppia ammonizione.

 

Del Prete-Reolon-Dal Farra-Boaretto-Orsi: Franchetti sabato ore 16, parte così la Canottieri in un match che non lesinerà emozioni e gol. Da subito: Boaretto, ispirato, sottomisura per Orsi, che tenta al volo una deviazione in avvitamento con coefficiente 6.0. Risposta: Barison per Bassich, tampona Reolon. Tocca a Dal Farra in ripiegamento al terzo sciogliere il nodo di un pericoloso trecontrouno, al quarto la botta di Ortolan dalla sinistra va larga. Reolon in cattedra: ripartenza delle sue, palo esterno. Fenice avanti: ma è la Canottieri a rendersi più pericolosa, con Zoldan e Gidoni che coglie il secondo legno di giornata. Fa in tempo Del Prete a bloccare il tentativo di Zanchetta prima che un 3 vs 2 di gran fattura sblocchi il risultato: Reolon dal centro scarica a sinistra per Zoldan che la mette dove va messa dall’altra parte per Gidoni che non sbaglia. Uno a zero, dura poco: Ortolan servito centrale da Barison pareggia, sempre Barison trova il tapin giusto dopo che Del Prete aveva già annullato due conclusioni lagunari. Tre gol in meno di un minuto, pas mal. Preme sull’accelleratore la Fenice adesso, il Belluno è in sofferenza, stenta ad uscire dalla sua area. O forse mica tanto: visto che non succede granchè, ed anzi sono i padroni di casa ad imbottirsi velocemente di falli. Minuto quattordici, è il sesto sullo scontro Mazzon-Orsi: Capalbo prende bene la mira, due pari. Belluno riprende campo e gioco, la pressione della Fenice è tenuta a bada dalla Canottieri, e dalle retrovie parte dal piede di Reolon una palla che proietta Gidoni nella metàcampo avversaria, dribbling su Molin e gol del nuovo vantaggio. Ancora Gidoni avrebbe una buona occasione ed è Molin ad anticiparlo sul suo quarto difensivo. Settimo fallo: Capalbo, stessa spiaggia stesso palo, quattro a due. Ripresa: subito pericolosa la Fenice, Bassich la mette bene per Ortolan che non ci arriva. Terzo legno, stavolta per i padroni di casa, intorno al quinto, un attimo prima che Ortolan e Boaretto becchino un giallo, davvero veniale, ma pesantissimo, visto che il bellunese sta già in taccuino. Espulso Boaretto, power play VeneziaMestre, penalty killing by Del Prete, che non fa passare neanche uno spiffero nel Franchetti che trattiene il fiato. Quarto legno, ‘sto giro Orsi: minuto ottavo, alza il ritmo la Fenice, il gol arriva da una soluzione balistica da applauso di Zanchetta. La partita è apertissima, c’è solo un gol a dividere le due franchigie. Anzi, due: ripartenza Belluno, Reolon, Molin intercetta, dall’altra parte arriva Capalbo come un missile e rimette la Fenice a distanza di sicurezza. Ultimi minuti. Match, più che acceso, in fiamme: Gidoni, sull’uscita è bravo Molin, gli arbitri ingleseggiano quanto a fischietto, al quindicesimo sull’assist di Callegarin è Barison che riporta il Belluno nel mirino dei suoi. E avrebbero le occasioni buone per pareggiare, i lagunari: clamorosa quella capitata ad Ortolan al diciassettesimo, al diciottesimo Del Prete è granitico sulla conclusione di Botosso.Ottanta secondi alla sirena: fallo su Dal Farra al limite dell’area, è il sesto, chi ci va in lunetta? Che discorsi: Capalbo. Che accarezza la tacca di mira e trafigge Molin per la quarta volta. Vorrebbe andare a battere anche il penalty per il settimo fallo Fenice l’inesauribile numero nove in biancoblù: ma infine tocca a Boso segnare il suo primo gol di stagione, che vale il 7 a 4 con cui si chiude il match.

2 Comments »

  1. Julien 14 marzo 2016 alle 2:31 pm - Reply

    Con i se e con i ma non si fa niente, ma giusto per divertirsi e provare a guardare al futuro con un po’ di ottimismo. Visto che sono a casa nullafacente con i bambini ammalati ho provato a fare la classifica da quando i ns ragazzi hanno deciso di iniziare questo campionato, e cioè dalla settima di andata.
    Questa la classifica teorica:
    Canottieri 30
    Merano 28
    Faventia 28
    Villorba 27
    Castello 27
    Vicenza 26
    Diavoli 19
    Mestre 17
    Forlì 15
    Fenice 13
    Adriatica 7
    Rotalfive 6.
    Tanto per farsi quattro seghe mentali :-)

  2. zanzibar 14 marzo 2016 alle 3:20 pm - Reply

    L’obbiettivo quest’anno era avere più vittorie che sconfitte. Non è ancora finita, quindi ancora niente bilanci anche se c’è da dire che di soddisfazioni ne abbiamo avute parecchie!

Leave A Response »