Giesse Canottieri – Fenice VeneziaMestre 1-2

Ninetto 8 dicembre 2018 Commenti disabilitati su Giesse Canottieri – Fenice VeneziaMestre 1-2
Giesse Canottieri – Fenice VeneziaMestre 1-2

Canottieri: Alberto, Brancher, Sitran, Chaoui, Savi, Reolon, Nessenzia, Orsi, De Battista, Saviane, Mati Florez, Dalla Libera.  All: Alessio Bortolini

Fenice: Molin, Bertuletti, Marton, Meo, Giommoni, Caregnato, Botosso, Ortolan, Cavaglià, Pace, Andretta.  All: Luigi Pagana ( in panchina Gabriele Landi) 

Arbitri: Dalla Costa di Schio, Fior di Castelfranco.  Crono Ianese di Belluno. 

Reti: PT 16′ 27 Orsi (BL).   ST 6′ 09 Botosso, 12′ 09 Bertuletti. 

Note: Ammoniti Sitran per Belluno. 

 

photo: Gianluca Da Poian © Corriere delle Alpi

 

Mancano pezzi da novanta, da una parte e dall’altra: di più dalla parte dei Canottieri, orfani da poche ore del loro top scorer LeCosta e con Brancher, Mati Florez e Dal Farra a fare, di fatto o sostanzialmente, da spettatori. Ciononostante, la gara sarà bella, di buon ritmo e in equilibrio. Prove tecniche di transizione, al minuto due, per la coppia Nessenzia-Orsi, poi Caregnato dall’estrema destra caccia una palla a metà tra il tiro ed il traversone, non c’è nessuno a toccarla dentro. Reolon -altro grande match del capitano- tiro da molto fuori, smarcato da Orsi, lemme a  lato. Siamo al quinto, e la prima vera occasione di giornata capita a Giommoni,  chiuso da Alberto in uscita. Decimo, ancora Fenice: è il palo a dire di no alla conclusione da fuori area di Marton. Dodicesimo: Chaoui bene a sinistra, chiude Bertuletti, poco dopo è da cinema l’apertura di Reolon ancora per Chaoui, che non trova la coordinazione per colpire. Sull’altro fronte è sempre Marton il più dangeroso, la sua conclusione stavolta sfila sul fondo davvero di poco. Minuto sedici e quasi mezzo: taglio di Reolon, pasticcia un po’ Molin, Orsi è al posto giusto al momento giustissimo e la spinge dentro, uno a zero Canottieri. Ripresa. Fenice alza i toni, tra Alberto e Nessenzia tamponano su Marton. Spinge la Fenice: Bertuletti, in spaccata Alberto, poi al quarto ci riprova il due lagunare direttamente dal rilancio di Molin. L’occasione più nitida è Canottieri, però: Reolon va via insieme a Brancher, 2 vs 0, e per due volte Molin dice di no. Così si passa, com’è nella natura delle cose, dal possibile due a zero Giesse al pareggio ospite: Botosso, dalla sinistra si accentra e sgancia verso la gabbia di Alberto una bomba imprendibile.  Botosso ancora, subito dopo il pareggio, mattonella e azione in fotocopia, non l’esito. Risponde Orsi, dall’estrema destra impegna a terra in due tempi Molin. Undicesimo: punizione che non c’è fischiata a Nessenzia, c’è eccome il gol della Fenice: sulla punizione di Bertuletti sfortunato Alberto, uno a due.  La Canottieri allora, con tutto quello che ha: prima Savi di punta con bell’anticipo, fuori, poi capitan Reolon al dodicesimo, dal corner di Savi. Doppio Nessenzia al sedicesimo, luce sempre meno davanti alla gabbia di Molin, e allora Bortolini mette Reolon di movimento, entra anche Mati Florez con mezza stampella, stoico: la palla gira bene, ma gira bene anche la difesa veneziana, e i Canottieri non ne hanno più abbastanza per trovare il gol del pareggio.

I commenti sono chiusi.