Giesse Canottieri Belluno – Vicenza 5-6

Ninetto 14 aprile 2019 0
Giesse Canottieri Belluno – Vicenza 5-6

Canottieri: Dalla Libera, Brancher, Sitran, Davare, Savi, Reolon, Dell’Andrea, Dal Farra, Mati Florez, el Orabi, Alberto.  All: Alessio Bortolini

Vicenza: Ruzza, Wendel, Boateng, Moscoso, De Mello, Goncalves, Zuccon, Pizarro, Feltre, Longobardo, Alfonsini, Borgo.  All: Michele Guarino

Arbitri: Schillaci di Enna, Inserra di Caltanissetta. Crono Fantin di Padova.

Reti: PT  0’56 Mati Florez (BL), 6′ 48 Zuccon, 7’09 Boateng, 17’45 El Orabi (BL), 18′ 20 Reolon (BL).  ST 4′ 29 Reolon (BL), 5′ 20 Moscoso, 6′ 06 El Orabi (BL), 14′ 27 e 19’00De Mello.

Note: Ammonito Sitran per Belluno. 

Partita “in casa” surreale per i biancoblù di Bortolini: al PalaMaser spalti deserti, eccezion fatta per il gruppo di irriducibili capitanati da Tania Feltrin nonché da De Battista e Nessenzia, che la partita la vedono dalla tribuna con il diesse Longo. Subito in apertura Reolon imbeccato da Mati Florez, quindi l’argentino intercetta sulla mediana e va dritto in porta per l’uno a zero. A testa bassa, e davvero a mille, il Vicenza, che controllerà il pallino del gioco per buona parte del primo tempo. Dalla Libera tra i pali battezza il match con un prodigioso intervento su Wendel. Al terzo va alto il pallonetto di Pizarro, sul traversone di Zuccon al quarto fortuna per i bellunesi che Moscoso è da un’altra parte. Ancora Dalla Libera prima del quinto: l’under Canottieri è determinante sul doppio intervento Vs Pizarro e Zuccon. Al settimo esce e chiude su Pizarro, pochi secondi prima che Zuccon pareggi i conti, liberato al tiro proprio da Pizarro. Ancora una manciata di secondi, e Boateng concretizza il maggior power ospite con una rasoiata ad incrociare che vale il sorpasso. Comincia qui la veemente e ostinata reazione di Reolon e compagni: e se Dalla Libera deve prodigarsi per due volte sul solito Zuccon al nono, il suo dirimpettaio dovrà cominciare di lì a poco a fare i conti con Dal Farra e con El Orabi. Dalla Libera mura in uscita De Mello al tredicesimo, poi l’ultimo quarto è solo Canottieri: per poco al sedicesimo la palla che vien fuori dall’uno-due Mati-Reolon non sorprende Ruzza, al diciassettesimo scalda i motori Brancher, che si accentra bene ma strozza la conclusione. Il pareggio è nell’aria: lo firma El Orabi, ben servito da Sitran, in mezzo minuto arriva anche il nuovo vantaggio biancoblù by Reolon, oggi il migliore in campo, che chiude perentorio un’azione in linea cristallina sul gran lavoro di cesello di El Orabi. E’ proprio Reolon a salvare il suo vantaggio al diciannovesimo: il pallone intercettato dal capitano Canottieri sarebbe stato esiziale, si va al riposo invece sul tre a due. Ripresa subito dal gusto di barrique, è il legno interno che dice di no a Reolon, Mati Florez è lì in zona ma anche Ruzza. Nondimeno, dall’out battuto dall’argentino al quarto nasce il 4 a 2, ancora Reolon. Doppio vantaggio, si tira il fiato: forse troppo, l’assolo di Moscoso non pare irresistibile ma costa il tre a quattro. Guarino ha mandato di movimento De Mello, intanto, e sarà la mossa vincente: le comunicazioni in power play tra lui e Moscoso saranno una spina nel fianco per i Canottieri, ben predisposti a difendere la superiorità ma oggi con gli uomini davvero troppo contati per poter reggere fino alla fine. E comunque ci pensa uno splendido El Orabi, sull’altrettanto splendido lancio di Dalla Libera, a fulminare al settealto  Ruzza: ancora un doppio vantaggio Canottieri. Ma è presto, troppo presto, siamo solo al sesto. Rimane lucido fin che può il pack bortolinìaco , al settimo quasi riesce a sfruttare l’errato cambio De Mello-Ruzza. Dalla Libera su De Mello sottogabbia, all’ottavo, da una palla scabrosa a centrocampo di Savi vien fuori il quarto gol biancorosso, ancora Zuccon. Minuto cinque, pareggio: De Mello l’autore, ma il controllo di Wendel nell’azione del gol è strepitoso. C’è un’occasione per Sitran, ma poi è ancora Reolon che deve salvare su Moscoso e Dalla Libera sul tiro da fuori di Zuccon e al sedicesimo in spaccata su De Mello. Ultimi minuti: sembra stanco anche il Vicenza, adesso, e comunque al diciannovesimo in punto De Mello fa mettere la freccia ai suoi. Savi di movimento, sull’ultimo giro di lancette: occasione buona per il pareggio sull’asse Savi-Sitran, ma i Canottieri, tutti, son davvero esausti. L’appuntamento sarà ancora qui, dopo Pasqua, per chiudere la stagione con l’Altamarca. 

Leave A Response »