La solitudine dei numeri uno.

Ninetto 27 gennaio 2017 Commenti disabilitati su La solitudine dei numeri uno.
La solitudine dei numeri uno.

Ecco com’è, cari miei: a guardare nella direzione di queste ultime dieci giornate di stagione regolare, invocando praterie, cavalcate in fascia, percussioni tambureggianti, salvataggi, diligenza. Come lì, guardando verso l’orizzonte, c’è tutta la determinazione di chi, tra di noi, metterà la sua firma sull’agognata salvezza. E la mettete  voi, dagli spalti, ci mancherebbe altro, ognuno di voi. Ce la mette chi gioca, ce la mette chi sta in panchina. E infine, o dall’inizio, ce la mette il Mister, che di tante pressioni deve farne una sola che funzioni, di tante parole deve proferirne i silenzi, ma che ai silenzi deve metter lì, come diga, la parola, una massimo due. Che impresa, che stoffa ci vuole. E che bella calma da cavaliere solitario, che non le spara grosse, ma giuste.

Domani passa alla Spes il Vicinalis. Giusto per, ha appena sistemato il Villorba a casa sua. Giusto perché, da Villorba tornando, convenivo con qualcuno di come i trevigiani  a casa loro fossero pressocchè imbattibili. Appunto. Oggi uno solo di punto varrebbe un Perù.

I commenti sono chiusi.