Pulcini: è dura se incontri gli All Blacks!

Ninetto 15 febbraio 2016 3
Pulcini: è dura se incontri gli All Blacks!
ALL BLACKS – CANOTTIERI 3-0 (3-2; 1-0; 4-0)
Canottieri: De Bona, Maciga, Tomassi, Laveder, Serafini.
Reti: Serafini e Maciga.
Dal nostro inviato: Luca Maciga
 
Eroi della resistenza. Causa una serie di defezioni i pulcini guidati da Giorgio De Bona si sono presentati a San Fior in cinque contati. Il risultato finale non deve ingannare in quanto i giovani bellunesi si sono battuti alla pari!
Purtroppo nella prima partita i bellunesi si trovano in svantaggio per 3-0 dopo i primi otto minuti. La situazione non demoralizza i babycanottieri che per poco non completano una clamorosa “remuntada”. Infatti Serafini, raccogliendo un invito di Laveder su rimessa laterale, s’invola in contropiede ed insacca alla sinistra dell’estremo avversario firmando il 3-1. Poco più tardi arriva il 3-2 grazie ad un’azione ben congenita da Serafini e Laveder, che mette in condizione Maciga di ricevere palla in area e, eludendo l’intervento di due avversari, inventare un pallonetto che batte il portiere trevigiano. Purtroppo il tempo a disposizione è…quasi finito! e la rimonta non si concretizza.
Durante il secondo incontro i bellunesi corrono molto cercando al tempo stesso di non scoprirsi. Dopo essere passati in svantaggio non riescono a trovare il pareggio nonostante qualche ghiotta occasione avuta da Serafini e Laveder. Buono l’apporto di Tomassi e Maciga in ambito difensivo .
Nel terzo incontro si fa sentire la stanchezza e la mancanza assoluta di cambi a disposizione:il risultato finale di 4-0 è fin troppo penalizzante per la Canottieri che deve imprecare anche contro la sfortuna, visto che due delle quattro reti dei padroni di casa sono frutto di autogol.
Vanno segnalati anche i numerosi interventi effettuati dal portiere De Bona nell’arco dei tre incontri: in più frangenti l’estremo biancoblù è risultato essere fondamentale nel difendere la propria porta dalle scorribande avversarie.
A coronamento di questa prestazione, giocata soprattutto con il cuore, è stata assegnata la green card a tutto il quintetto della Canottieri che merita di essere citato uno per uno: Mario De Bona, Patrizio Maciga, Davide Tomassi, Matteo Laveder e Nicolò Serafini.

3 Comments »

  1. alain 15 febbraio 2016 alle 7:39 pm - Reply

    GRANDI BOCE

  2. Julien 15 febbraio 2016 alle 7:48 pm - Reply

    Bravi bambini!

  3. zanzibar 16 febbraio 2016 alle 9:31 am - Reply

    Stoici!

Leave A Response »