Udine City – Canottieri Belluno 1-3

Ninetto 6 dicembre 2020 1
Udine City – Canottieri Belluno 1-3

Udine: Tomasino, Martinez, Turolo, Della Bianca, Chtioui, Spina, Fabbro, Barile, Goranovic, Sironi, Ljusckic, Agrizzi.  All: Pittini

Belluno: Del Prete, Bortolini, Dall’Ò, Rotta, Vettorel, Reolon, Dal Farra, Di Donato, Moreno, Orsi, Lecis.  All: Bortolini

Arbitri: Reinisch di Bolzano, Briguglio di Brescia. Crono Angelo di Gradisca d’Isonzo. 

Reti: PT 2’10 Turolo (UC), 6′ 41 Moreno,  ST 9′ 10 e 13′ 58 Dall’Ò.

 

Non c’è più l’ex canottiere Caruzzo, nelle fila Udine City, e c’è tantissimo Belluno in quelle Canottieri: a partire dalla linea ultraverde Lecis-Di Donato-Vettorel-Bortolini-Dall’Ò, tutti targati duemila e rotti. E proprio quest’ultimo, Dall’Ò, tra i i protagonisti del match firmando la doppietta che nella ripresa porta i tre punti dalla parte biancoblù.

Inizio: un minuto e poco più, Turolo, tra i migliori ( interessante nondimeno tra i friulani il classe 98” Chtioui ) viene contrato all’ultimo da Reolon. Partono aggressive entrambe le contendenti: al secondo minuto una punizione di Turolo buca Del Prete e sblocca il match. Lo stesso Del Prete deve chiudere su Chtoui lanciato a sinistra, son passati pochi secondi dal gol. Prove tecniche di Juan Moreno, intorno al quinto: lo spagnolo sarà tra i migliori in campo, assieme a Reolon che al quinto di punta scalda Tomasino. Sesto, occasione per il pareggio: Dal Farra a sinistra di forza, palla in mezzo gustosa, Rotta contrastato non trova l’impatto giusto. Ma il pareggio è lì vicino: pallonetto di Reolon a saltare la difesa, palombella di Moreno sull’uscita di Tomasino, uno a uno. Lanciatissimo Moreno: al nono quasi ibrahima sul lancio di Rotta, rovesciamento di fronte e gran traffico davanti a Del Prete ma ne esce indenne la gabbia bellunese. Fabbro sale in cattedra, pressione Udine, al dodicesimo la punizione di Reolon allarga per il mancino di Bortolini, alto. Rieccolo, Turolo, a botta pressochè sicura: paratona di Del Prete.  Adesso gioca meglio l’Udine, affidandosi ai suoi solisti : Tchioui volteggia il campo driblando sulle punte come un ballerino, Del Prete è sempre lì. Occasione buona per il nuovo vantaggio dei padroni di casa con Goranovic e Turolo in ripartenza, siamo al sedicesimo, c’è anche una punizione di Goranovic che Del Prete annulla di stinco. Reolon impegna Tomasino dall’estrema sinistra, il Belluno rialza il suo ritmo, sesto fallo Udine, in lunetta lo specialista Moreno, Tomasino non è da meno e glielo para. L’’ultima azione e pregevole è di Della Bianca: uno a uno, spogliatoi. Ripresa: da lontano Turolo, gran botta e traversa pienotta, al quinto bell’open di Fabbro ma sul secondo palo non ci sono compagni. Molto Belluno, adesso: in ripartenza Reolon perfetto per Dal Farra, perfetto però anche Tomasino.  Ci prova da fuori, il capitano biancoblù, all’ottavo poi sembra dentro il suo slapshot, invece no. Ma ci siamo: Reolon fa tutta una serie di cose, e tutte bene, consegna a Dall’Ò che incrocia rabbioso, due a uno Belluno. Match vivissimo: Moreno forse trattenuto a centro area, subito dall’altra e Della Bianca ha l’occasionissima per il pareggio. Attento Del Prete su un paio di conclusioni dalla distanza. Undicesimo: Rotta per Dal Farra, non va. Orsi, oggi chiamato ad una prova di maturità con alto minutaggio, leva il gol a Turolo, ben servito da Martinez Rivero sottogabbia. Alla retorica lampante gol sbagliato-gol subito, dà il suo personalissimo contributo Max Dall’Ò: ruba palla in difesa, fa tutto il campo qui sotto in fascia sinistra e deposita là dove l’aveva messa cinque minuti fa. Tripudio biancoblù, gran gol, tre a uno. Il match finisce qui, mancano cinque minuti, all’Udine vengono a mancare allenatore (oggi Monformoso) e capitano per un doppio giallo spedito in direzione della panchina.  La Canottieri pare poter controllare, anche se davvero di poco va fuori il missile di Goranovic al quindicesimo e al sedicesimo solo la testa di Rotta annulla quello di Turolo che pareva destinato al sette alto. Il brasiliano opera a più riprese un bel lavoro di pulizia davanti a Del Prete, Juan Moreno all’occorrenza nasconde la palla e fa correre il cronometro. C’è Rotta ancora, a salvare su Fabbro: tre a uno Canottieri, quattro su quattro, in questo inizio di Campionato, per gli enfants terribles  di Bortolini. Se lo chiedono in tanti: dove può arrivare, questa Canottieri?

One Comment »

  1. zanzibar 7 dicembre 2020 alle 6:12 pm - Reply

    Avanti tutta

Leave A Response »