FS Udine City – Canottieri Belluno 5-1

Ninetto 1 febbraio 2020 0
FS Udine City – Canottieri Belluno 5-1

Udine: Tomasino, Ianesi, Martinez Rivero, Turolo, Chtioui, Stendler, Sansica, Barile, Goranovic, Mattiussi, Todon, Agrizzi.  All: Pittini

Belluno: Dalla Libera, Brancher, Rui Costella, Godson, Savi, Reolon, Dall’Ò, Dal Farra, De Battista, Moreno, Rotta, Del Prete.  All: Bortolini

Arbitri: Cino di Modena, Mosconi di Cesena. Crono Marchetti di Tolezzo. 

Reti: PT 2′ 47 Stendler, 9′ 40 Ianesi, 14′ 30 Chtioui, 16′ 29 Martinez Rivero.  ST  4′ 23 Reolon (BL), 18′ 53 Goranovic. 

 

La Canottieri è sazia, dopo il cenone casalingo con fuochi d’artificio della settimana scorsa ospite il Nervesa. L’Udine City è molto probabilmente la squadra più in forma del torneo. Così va letto il primo tempo al PalaCus, diversamente non interpretabile il divario visto in campo tra un Udine implacabile e una Canottieri che non riesce a mettere la marcia.  Così sul taccuino tocca aspettare il settimo, per assistere ad una buona occasione bellunese: Rotta verticalissimo per Brancher, di sagoma Tomasino, ma nel frattempo Stendler  ha siglato l’uno a zero dopo il recupero usàinico a destra di Turolo e ha fatto capire che anche a sinistra saran dolori. Raddoppio di Ianesi , prova a imbastire qualcosa Reolon, la sua azione con Savi al tredicesimo meriterebbe di più.  Juan Moreno è sicuramente il più pericoloso dei suoi, ma precisione, e fortuna, non aiuteranno oggi il bomber spagnolo. Chtioui, impressiona il giovanotto, in gran velocità e buon rimpallo, tre a zero, Dalla Libera di lì a poco gli cava via dai piedi la palla del quattro.  Bernardo, discreta la partita che fa, con Savi quasi quasi al diciassettesimo, sul ribaltamento di fronte Martin Rivero cala il poker. Finale di tempo, ci provano Moreno, fuori di pochissimo, e Rotta: ma, come detto, non sarà giornata. Ad inizio ripresa Barile e Stendler stanno per fare cinquina e con troppa facilità, una scossa arriva dalle parti della panchina bellunese, Juan Moreno in contropiede scarica a Savi che sul secondo palo trova Reolon, uno a quattro. Savi ci prova da fuori, Stendler bombeggia da sinistra, alza sopra la traversa Del Prete, siamo al nono.  Cala, si fa per dire, e un po’, l’Udine, e sale la Canottieri, Tomasino è pronto però su Reolon e all’undicesimo sulla punizione di Brancher. Arrivasse un secondo gol, il pomeriggio a Udine potrebbe prendere un colore diverso: contro tutti i condizionali Savi va di movimento, mancano otto minuti, lo coadiuva di lì a poco un buon De Battista, il tempo scorre e L’Udine tiene bene. Siamo difatti al diciottesimo quando Juan Moreno, indovinando palla vacante in suolo friulano, fa la barba al palo, Tomasino dice di no al bis di Reolon, alla vigilia dell’ultimo giro di lancetta Goranovic centra la porta bellunese sguarnita e fa cinque a uno. La traversa di Moreno pochi secondi dopo e l’ultima azione del match –parata non facile di Tomasino sul controtempo di Rotta – fanno capire che oggi non può che andare così: Udine City esemplare, Canottieri attesa a pronto riscatto, sabato in casa con l’Arzignano.

 

Leave A Response »